Il cross training

Il cross training

Ogni tanto è buona regola dedicarsi ad uno sport diverso, magari che impegni muscoli differenti rispetto a quelli che utilizziamo.

Ad esempio, un giorno la settimana possiamo dedicarci al nuoto o alla bici o alla palestra invece che alla corsa, ma possiamo anche optare per lo sci, una partita a tennis, a pallavolo etc..

Anche quando siamo in recupero da un infortunio o abbiamo necessità di un periodo di stacco dalla corsa possiamo optare per sport alternativi.

Ma cosa intendiamo per cross training?

Si tratta di attività fisiche diverse da quella solitamente praticata dall’atleta che dal punto di vista energetico e metabolico incrementano o mantengono il livello di fitness di partenza.

Nel cross training abbiamo gli allenamenti mediante discipline sportive affini che dunque utilizzano gli stessi gruppi muscolari dello sport praticato (esempio podismo e ciclismo) e gli allenamenti mediante discipline sportive non affini che utilizzano gruppi muscolari diversi (es. ciclismo e pallavolo).

Utilizzando muscoli differenti, oltre a rafforzare il nostro apparato scheletrico e renderlo più armonioso, otteniamo come beneficio anche un minor rischio di infortuni.

Per fare un esempio gli atleti di triatlon utilizzano sempre il cross training e spesso riescono a trarre benefici notevoli anche nelle singole discipline.

Tuttavia gli effetti benefici del cross training si sono riscontrati soprattutto negli atleti di medio livello, mentre negli atleti di alto livello tali benefici non superano mai quelli indotti dall’allenamento specifico.

Personalmente un giorno alla settimana mi piace dedicarlo al nuoto: sviluppa l’equilibrio muscolare degli arti inferiori, di quelli superiori e degli addominali. Impegnando così tanti distretti muscolari aumenta la potenza aerobica. Inoltre, mentre la corsa, insistendo sull’impatto con il terreno, “accorcia” i muscoli, il nuoto li “allunga” svolgendo un’azione distensiva anche a livello lombare e cervicale.

Durante l’inverno un altro sport che potrebbe essere praticato dai runners è lo sci di fondo in quanto consente di allenare gli arti inferiori coinvolgendo gli arti superiori e il tronco. Inoltre lavorando in altura si migliora la resistenza.

Anche lo Yoga può essere praticato come cross training insistendo sul rafforzamento di muscoli diversi che coinvolgono tutto il corpo e sull’equilibrio generale dello scheletro.

E allora se il tuo compagno/a pratica o preferisce uno sport diverso dal running, se tuo figlio/a adora la piscina, dedica una giornata alla felicità comune e levati le scarpe da corsa: ti farà solo bene, ti renderà più forte e ti preserverà dagli infortuni.

Iscriviti alla Newsletter!

Non sei fuori a correre... allora devi assolutamente iscriverti alla nostra newsletter! Così riceverai una notifica con tutti i nostri nuovi contenuti. Non spammiamo, promesso!
Nome
Last Name
Email
Secure and Spam free...

Ogni volta che ti allacci le scarpe e indossi il pettorale hai già vinto. Ma non si molla mai, il traguardo si taglia!

Vai al mio profilo.

Rispondi