La scelta di una squadra

La scelta di una squadra

Hai iniziato alcuni mesi fa, correvi e camminavi, poi hai iniziato a correre per 30 minuti ininterrottamente, poi hai aggiunto minuti su minuti, poi gli allunghi, ti sei comprato l’orologio super tecno per fare le ripetute o per tracciare i tuoi record…hai fatto la prima tapasciata non competitiva di 6 km e adesso non vedi l’ora di metterti il pettorale serio sulla maglia.
È giunta l’ora di iscriversi a una squadra se non altro almeno per poter competere con i tuoi amici.

Già ma dove mi iscrivo? E’ pieno di società sportive … Quale sarà mai il criterio di scelta?

Solitamente sono gli amici che già fanno parte di una squadra ad invitarti.
Ma quando magari non sei della medesima zona dei tuoi amici o non hai suggerimenti ti metti a cercare tra le squadre della tua città e come sempre guardi su internet per capire quale è la migliore.
Innanzitutto scegli in base ai tuoi obiettivi.

Se non se un agonista incallito o sei padre o madre di famiglia e hai esigenze diverse da soddisfare: inutile iscriversi ad una squadra di semiprofessionisti tutti tra i 20 e i 30 anni. Orientati su una squadra di amatori possibilmente con componenti che hanno storie simili alla tua.
Ti piace il trail? Cerca una squadra dove alcuni atleti già lo praticano.
Vuoi un allenatore? Chiedi se nella squadra che stai valutando puoi avere un allenatore e i suoi indispensabili consigli e l’ingresso al campo di atletica per tutto l’anno.
Verifica poi gli impegni che la società ti chiede: partecipazione a riunioni periodiche il cui epilogo spesso diventa una serata tra amici? Giornate benefiche o di aiuto per altri enti?
Organizzano gare sociali?
In questi casi potrò mantenere gli impegni che mi vengono richiesti?
Infine per ultimo guarda il prezzo. Avrò sconti sul materiale tecnico?

Per quanto una squadra possa costare sarà sempre meno di un abbonamento in palestra!
Generalmente il prezzo dipende da cosa viene incluso e dal materiale che ti viene consegnato: divisa di gara, tuta, borsa etc..
Spesso sento dire: “a me basta avere la tessera per correre”
Per me non è così. In una società digitale sentirsi parte di un gruppo, condividere momenti goliardici e non, impegnarsi in un progetto, saper portare con orgoglio ed onore i colori di una casacca e’ importante, molto di più che risparmiare 20 euro.

Ed ho apprezzato tantissimo quando il mio presidente prima di iscrivermi mi ha invitato a una imminente riunione di squadra per poter decidere se il gruppo soddisfaceva anche a livello di componenti quello che stavo cercando.
È bello non essere un numero di tessera ma essere quell’atleta, quella persona, quell’amico che la squadra ti fa sentire di essere.
È bello gareggiare fieri di portare i colori della nostra appartenenza
È bello poter ringraziare i tuoi compagni per aver condiviso un allenamento
È bello poter contare sullo spirito di squadra
È bello scriversi un messaggio la sera sull’allenamento fatto o gioire per le gare dei tuoi amici
È bello essere tutti per uno e uno per tutti.

Quando ti iscrivi pensa che da quel momento in poi avrai anche quell’appartenenza. Fa che rispecchi almeno parzialmente i tuoi ideali e la tua personalità.
Nel mio caso orgogliosa di indossare la mia maglia bianca arancio e blu!

Pic by Josiah Mackenzie @ Flickr

Iscriviti alla Newsletter!

Non sei fuori a correre... allora devi assolutamente iscriverti alla nostra newsletter! Così riceverai una notifica con tutti i nostri nuovi contenuti. Non spammiamo, promesso!
Nome
Last Name
Email
Secure and Spam free...

Ogni volta che ti allacci le scarpe e indossi il pettorale hai già vinto. Ma non si molla mai, il traguardo si taglia!

Vai al mio profilo.

Rispondi