LMHM – Tempo di lago.

LMHM – Tempo di lago.

Domenica corro la mezza maratona del Lago Maggiore o, come la chiamano i runner e gli organizzatori quando parlano in gergo, la LMHM. Che se la chiami così mentre corri minimo inciampi e non ci puoi più andare.

La preparo da alcuni mesi, con molti allenamenti e in mezzo una bella gara storica delle mie zone, la Biella – Piedicavallo che con 19 km e circa +600 dsl mi ha testato per bene e che ho chiuso con un ottimo 1h31′ ed una contrattura al polpaccio. Ora… quando ho iniziato a correre non avevo alcuna aspettativa dalle mie sgambate. Non avevo obiettivi. Ad agosto 2014, l’ultimo allenamento solitario prima del mio primo allenamento con la mia squadra è stato terminato a 6’/km. E molta soddisfazione da parte mia.

Mi sono sempre ripromesso di correre per il piacere di correre, per il piacere di sudare e scaricare stress, tensioni, fatiche. Col cavolo.

Domenica ho un obiettivo molto chiaro, che nonostante mi ripeta quanto non sia importante il tempo mi picchietta in testa dicendo “no, non è importante il tempo, non è affatto importante… ma se non cresci… ma se non ti migliori… ma se non togli qualche secondo… a cosa serve?”.

Quindi domenica sarò pienamente soddisfatto solo in due casi:

1) Tempo inferiore a 1h29’59”

2) Salto (in gergo significa “scoppio”, “crollo”… non arrivo alla fine o ci arrivo con estrema fatica) e capisco perché sono saltato

In entrambe le ipotesi finirò la LMHM conoscendomi un po’ meglio.

 

PIC by Edwin van Buuringen@flickr

Iscriviti alla Newsletter!

Non sei fuori a correre... allora devi assolutamente iscriverti alla nostra newsletter! Così riceverai una notifica con tutti i nostri nuovi contenuti. Non spammiamo, promesso!
Nome
Last Name
Email
Secure and Spam free...

“Pain is inevitable. Suffering is optional”

Vai al mio profilo.

Rispondi