Written by 12:22 pm Recensioni, Scarpe Runninng

Asics Superblast – La recensione completa

Recensione Asics Superblast

Asics Superblast è la nuova scarpa in casa ASICS che entra nella categoria delle “super trainers“. Massimalista e performante, ma anche illegale per gareggiare in maratona a livelli pro, questa è una scarpa che affascina tutti quegli atleti che amano sentire un ritorno di energia senza precedenti. E tutto questo, senza alcuna piastra di alcun tipo!

L’abbiamo testata per oltre 200 km ed ecco la nostra recensione completa.

ASICS SUPERBLAST

Indice

La video recensione sul nostro canale

La video recensione della Asics Superblast

Che scarpa è?

La ASICS Superblast è una scarpa “massimale” ma sorprendentemente leggera e stabile nonostante l’altezza dell’ammortizzazione di 45,5 mm.

È perfetta per corse lunghe, ma è anche adatta per gli allenamenti quotidiani e i giorni di recupero.

E’ una scarpa illegale per le competizioni ufficiali a causa dell’altezza dell’intersuola che supera i 40 mm da regolamento, per questo è considerata una scarpa solo d’allenamento.

Per cosa?

La ASICS Superblast è una scarpa per allenamenti veloci e per lunghi dove si cerca la prestazione.

Per chi?

E’ per chi desidera una scarpa con la massima ammortizzazione, che offra comfort e leggerezza, e per chi ha bisogno di un’opzione versatile per diversi allenamenti.

Poiché l’altezza dello stack è superiore a 40 mm, non è consentita nelle competizioni internazionali.

Peso

La Asics Superblast pesa appena 262 grammi nella sua versione da uomo, misura 44.5 europea. E’ sorprendente come una scarpa con tanto stack possa pesare così poco.

Voto: 9.5/10

Tomaia

La tomaia è in un mesh ingegnerizzato molto traspirante e con una ottima vestibilità.

Ho personalmente trovato il materiale usato confortevole.

Avvolge il piede senza stringerlo troppo.

Entrando nel dettaglio:

I lacci sono piatti e su questa scarpa è possibile fare il nodo del corridore. Non ho mai avuto problemi, anche se ho dovuto riallacciare le scarpe un paio di volte per trovare la “pressione” ideale.

Voto Lacci: 7.5/10

La conchiglia, rigida, è ben confortevole. Il collare è molto ben rivestito. La linguetta è stile racing, sottile e a forma alare. Tutto sommato, ogni elemento funziona bene.

La Asics Superblast è pensata anche per il triathlon, con una cinghia posteriore nell’area del tallone.

Voto elementi: 7.5/10

La suoletta interna è rimovibile. E’ una soletta ben fatta e comoda.

Voto suoletta: 7.5/10

Il lockdown complessivo è buono. Non ho avuto problemi di alcun tipo, nemmeno a ritmi molto sostenuti.

Voto lockdown: 7.5/10

Voto complessivo della tomaia: 7.5

Intersuola

La Asics Superblast ha un’intersuola a due pezzi, formata dalla magnifica FF Blast+ nella parte a ridosso del battistrada e dalla FF Turbo nella parte in mezzo. Sono due durezze e consistenze diverse, misurate accuratamente con il nostro durometro.

Insieme sono una combinazione pazzesca, soprattutto considerando gli oltre 45 mm di materiale nella parte del tallone, che la rendono una scarpa alta ma estremamente reattiva.

Non ci sono piastre in carbonio ma all’inizio faticavo a crederci per due motivi:

  1. il ritorno di energia è simile se non addirittura uguale ad una scarpa da gara con lastra in carbonio,
  2. La scarpa è rigida come se avesse una lastra.

L’appoggio rima comunque comodo, e può andare bene anche per i ritmi lenti, ma appena si alza il ritmo, la Superblast da il meglio di se in termini di sensazioni.

Voto appoggio: 8.5

Le sensazioni sono talmente buone sia in appoggio che spinta, che a volte mi preoccupo di non abituarmi troppo. Il piede deve lavorare poco per essere efficiente.

Voto spinta: 8.5

Suola

La suola è sicuramente il punto debole della scarpa. Il grip è così così appena si trova un po’ di bagnato e su alcune superfici, ma la cosa che mi disturba di più è il fatto che quasi ad ogni corsa ho terminato con dei sassi infilati nelle fessure, creando un fastidioso rumore ad ogni appoggio. Sicuramente da rivedere questa parte.

Voto grip: 6.5

Comfort e vestibilità

Le ASICS Superblast corrispondono alle dimensioni della mia taglia. Il comfort complessivo è discreto. Non ho avuto problema di alcun tipo anche dopo sedute lunghe.

Voto: 7.5

Durata

Dopo 200 km non ci sono grandi segni di usura. Questa ASICS Superblast potrebbe arrivare senza problemi a percorrere 800 / 900 km.

Voto: 8

Come diciamo sempre, è difficile prevedere la durata di una scarpa. Per questo, abbiamo deciso di fare uno studio allargato a tutta la community. Compila questo form e dicci come ti sei trovato e quanto sono durate le tue scarpe!

Sostenibilità

Per questa categoria ci affidiamo ovviamente a quello che ci dicono i produttori, sulla scelta dei materiali. Guardiamo alla trasparenza e l’attenzione che si ha su questo tema.

ASICS non ne parla in nessun modo in questa versione classica, quindi presumo che la maggior parte dei materiali non siano sostenibili.

Voto: 5

Costo

Di listino costa 220 euro. E’ una scarpa eccezionale, ma il prezzo di listino è davvero alto. Avrei preferito vederla intorno a 180 euro.

Voto: 5

Dove comprarla?

La scarpa la trovate su Top4running.it e se usate il coupon code “ESCOACORRERE” avete lo sconto ulteriorie, del 5%, su tutto, anche sui prodotti in saldo.

Considerazioni finali

La ASICS Superblast è una scarpa davvero speciale. La tengo in rotazione ed è velocemente diventata una delle mie preferie e sicuramente la prima scelta quando voglio cercare un po’ di prestazione. La scelgo spesso anche per i lunghi, soprattutto quando voglio spingere e simulare tratti a ritmo gara. Peccato per il costo esagerato, ma sicuramente da prendere da assalto con lo sconto.

Se cercate una scarpa più polivalente, abbiamo testato anche la ASCIS Novablast 3.

La nostra votazione finale:

Recensione ASICS Superblast

Se ti è piaciuto questo articolo, sicuramente apprezzerai il canale Youtube e il Podcast di Esco a Correre.

Seguici anche su Instagram e su Facebook. Inoltre, la conversazione continua nel nostro gruppo telegram esclusivo!

(Visited 94 times, 2 visits today)
Close