Fai stretching prima di correre? Stai sbagliando tutto

Fai stretching prima di correre? Stai sbagliando tutto

Ho iniziato a fare sport quando avevo meno di 8 anni: calcio, sci, tennis, hockey, basket e più chi ne ha più ne metta. Per anni mi sono sentito dire da tutti: “fai stretching prima di entrare in campo”, “fai stretching prima di sciare”, “fai stretching prima di correre”! Non c’è allenatore che per anni  mi ha detto il contrario, fino a che un giorno ho incontrato il mio primo allenatore di Atletica Leggera in Comense, Fabrizio Anselmo, che mi disse una cosa nuova: “lo stretching si fa dopo l’allenamento e mai prima”. Da li mi sono incuriosito. Come mai questo allenatore, esperto e conosciuto per gli atleti di spessore che allena, ora mi dice l’opposto di quello che mi sono sentito dire per anni?

Ho fatto un po’ di ricerca e mi sono documentato, scoprendo che in effetti non solo sbagliai per anni, ma rischiai anche di farmi male seriamente.

Perché fare stretching prima di correre fa male?

Sinceramente sono sempre stato un po’ indisciplinato con lo stretching. Non è la mia attività preferita e ancora oggi faccio fatica a dedicargli il tempo necessario, quindi scrivendo questo articolo sto predicando bene ma razzolando malissimo. Lo stretching va fatto perchè ha tantissimi benifici, sopratutto per noi runners che tendiamo ad avere spesso i muscoli rigidi e accorciati a causa della corsa. Però è anche importante fare lo stretching nel momento giusto, evitandolo prima della prestazione per questi tre motivi:

1) I tuoi muscoli sono ancora freddi.

I muscoli freddi sono tesi ed è impossibile allungarli efficacemente.

2) E’ facile stirarsi o strapparsi.

Ci sono molte più probabilità di farsi male facendo stretching prima di correre perché i muscoli non sono ancora pronti per allungarsi e lo stretching li sforza in maniera innaturale. Si rischiano stiramenti e addirittura strappi muscolari.

3) Correrai più piano.

Diversi studi hanno dimostrato che lo stretching rallentano le performance degli atleti quando fatto prima della prestazione.

Lo stretching dopo la doccia

Il momento migliore per fare lo stretching non è subito dopo la corsa, ma dopo aver fatto la doccia calda post corsa. In questo modo eviti di prendere freddo da sudato e potrai dedicarti allo stretching statico nella situazione ideale per il tuo corpo, dopo una bella doccia distensiva.

Buona corsa!

 

Iscriviti alla Newsletter!

Non sei fuori a correre... allora devi assolutamente iscriverti alla nostra newsletter! Così riceverai una notifica con tutti i nostri nuovi contenuti. Non spammiamo, promesso!
Nome
Last Name
Email
Secure and Spam free...

Ho iniziato a correre per sfida. Continuo a correre perché nulla al mondo ti riempie l’anima e la mente come la corsa. Vai al mio profilo.

Rispondi