Benvenuto 2016

Benvenuto 2016

Il capodanno è un po’ come nella maratona quando arrivi ad un check point (solitamente ogni 5 km).

La gara non è finita, ma quel passaggio conta. Eccome se conta. Guardi l’orologio, blocchi il tempo per segnarti il parziale, fai i tuoi calcoli e valuti come è stato il tuo percorso fino a li. Il tutto mentre sei ancora in piena corsa. Questo si che si chiama multi-tasking.

A ogni check point sei ancora in tempo a rimetterti in sesto se fossi troppo lento o troppo veloce. Quel passaggio può essere vitale e ti può salvare la maratona. Prima ti accorgi degli errori e meglio è.

I check point iniziali solitamente si prendono un po’ più alla leggera. “Tanto manca tanto, è ancora presto.

Poi arrivi a quelli a metà Maratona e inizi a vedere le cose diversamente. Ogni check point ha un valore sempre più importante. Più vai avanti e meno hai margine per cambiare la tua gara. Calcolare il passo diventa un po’ più difficile, complice la stanchezza. E’ qui che esce fuori il vero maratoneta.

Il nuovo anno è un po’ cosi. O almeno lo dovrebbe essere. Alla fine la vita è una bellissima Maratona.

Ecco il checkpoint 2016. Guardo l’orologio, faccio due calcoli, cambio ritmo e mi urlo, forza Simo.

Buon 2016 a tutti! Che sia un anno pieno di emozioni.

PS. Vi lascio con questo video favoloso dei fuochi d’artificio di fine anno più belli del mondo.

Iscriviti alla Newsletter!

Non sei fuori a correre... allora devi assolutamente iscriverti alla nostra newsletter! Così riceverai una notifica con tutti i nostri nuovi contenuti. Non spammiamo, promesso!
Nome
Last Name
Email
Secure and Spam free...

Ho iniziato a correre per sfida. Continuo a correre perché nulla al mondo ti riempie l’anima e la mente come la corsa.

Vai al mio profilo.

Rispondi